Caro Chiostro:

 

Lo sviluppo del Piano per la Parità nel centro, come già sapete, è responsabilità dell'intera comunità educativa. È fondamentale lavorare in équipe, poiché il Piano di Parità, in quanto progetto educativo, è responsabilità dell'intero Chiostro, che deve partecipare alla sua progettazione e realizzazione. Pertanto, vi invito, in qualità di responsabile, a parteciparvi. Le tue azioni sono essenziali per la sua implementazione e configurazione nel nostro centro.

 

Da questo punto di vista, mi sento partecipe e agente di questo Piano per l'uguaglianza e la coeducazione, e che quest'anno lo farò  coordinare nel nostro centro, avendo, inoltre, come sfida l'applicazione  nelle nostre aule  del  II Piano  Strategia per la parità di genere  la nostra comunità autonoma.  ECCO PERCHÉ INCORAGGIO L'INTERA COMUNITÀ EDUCATIVA A COLLABORARE IN ESSO.

In questo modo, un giorno, possiamo pensare di aver collaborato e contribuito a uno dei cambiamenti più importanti di cui la società ha bisogno e che renderà possibile un mondo migliore e più giusto.

Grazie mille per la vostra collaborazione e supporto. Mi hai a tua completa disposizione per qualsiasi cosa ti serva.  

Mercedes Sanchez Vico. Responsabile del Piano di Parità dell'IES Al-Baytar, Arroyo de la Miel.

CARTEL PLAN DE IGUALDAD _edited.jpg

 

Sebbene si possa pensare che nel campo della coeducazione quasi tutto sia stato realizzato, nulla è più lontano dalla verità. Se lo esaminiamo  attentamente, in alcuni aspetti, non solo non siamo avanzati ma siamo regrediti: non abbiamo ancora finito con tante discriminazioni  e le disuguaglianze di genere nella nostra società. Gran parte dei nostri studenti cammina senza sapere bene cosa sia una relazione di equivalenza affettiva, l'interculturalità ci porta anche, in alcune occasioni, a relazionarci con chi non ha superato pregiudizi e stereotipi, la notizia degli omicidi  di donne e minori per questioni di genere continuano a riempire la stampa quotidiana. Così,  pace e convivenza non sono possibili se non c'è rispetto per le differenze da un concetto reale  di effettiva uguaglianza.   Non si può concepire un'educazione all'uguaglianza senza un'analisi del passato per evitare gli errori commessi e potersi configurare  quindi con un presente e un futuro migliore per uomini e donne.

logo insti trans.PNG
10D679AF-79D8-4123-8A4B-6DBFEBB42074.PNG